Gli champagne di Moet & Chandon, la sintesi

Per molte persone, Moet & Chandon è sinonimo di Champagne, forse per via della lunga storia che accompagna questa Maison con un patrimonio di circa 1200 ettari di vigneti. Dimensioni di grande rilievo nel panorama francese che di fatto la rendono tra le più grandi maison di Francia

0
547
Champagne, foto generica da Pixabay

Per molte persone, Moet & Chandon è sinonimo di Champagne, forse per via della lunga storia che accompagna questa Maison con un patrimonio di circa 1200 ettari di vigneti. Dimensioni di grande rilievo nel panorama francese che di fatto la rendono tra le più grandi maison di Francia.
Moet Chandon è stata fondata ad Epernay nel 1743 ed è parte fondante della nascita dello champagne e produttrice di uno degli champagne più diffusi ed apprezzati al mondo. Sul finire del 18° secondo, Jean-Remy Moet, il nipote del fondatore Claud Moet, portò lo champagne ad un livello mai raggiunto prima, rendendolo apprezzato in tutto il mondo. La storia di Moet & Chandon affonda le sue radici nel passato e affianca gesti e rituali della nostra contemporaneità, nei momenti di festa e di gioia.

Una curiosità, la cantina di affinamento di Moet & Chandon è la più estesa della champagne, con 28 km di tunnel sotterranei ad una profondità che varia da 10 a 30 metri sotto il suolo ed una temperatura media di 10°c, ideale per la maturazione degli champagne. Benoît Gouez è lo chef de cave Moet & Chandon dal 2005.

Gli champagne di Moet & Chandon si dividono in due grandi categorie, gli champagne millesimati e non millesimati, questi, a loro volta, si dividono in bianchi e risè.

Moët Impérial.

Moët Impérial, conosciuto anche come Moët Imperiale è lo champagne più emblematico della Maison, una cuvée unica che da 150 anni racconta equilibrio e territorio. Moet Imperial è uno champagne iconico, uno champagne conosciuto e riconoscibile anno dopo anno. L’assemblaggio con cui è costruito è incredibilmente complesso, una necessità dovuta dal bisogno di trovare quell tipico gusto che lo rende tanto amato dagli appassionati di champagne. Moet Imperial è una cuvée di circa 200 differenti vini base prodotto con uve Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardonnay, ed ecco svelata l’origine della semplice complessità che si percepisce ad ogni sorso. Il nome Moet Imperial risale al periodo napoleonico e deve il suo nome proprio all’imperatore Napoleone Bonaparte, grande appassionato di champagne Moet. Il prezzo medio di Moet Imperial è tra i più accessibili di Moet Chandon.

Moët Grand Vintage.

Moët Grand Vintage è lo champagne millesimato della Maison. Moet Grand Vintage è riconoscibile per l’annata ben evidente, a caratteri cubitali nell’etichetta. Non tutte le annate hanno visto un millesimato Grand Vintage, poiché questo champagne è prodotto sono nella annate migliori. Esso rappresenta la massima espressione dello stile di Moet nel contesto della vendemmia. Gli aromi, la struttura, il perlage, la persistenza, il perlage e la freschezza sono differenti di anno in anno.

Moet Grand Vintage è uno champagne millesimato che interpreta l’annata e può risultare differente di anno in anno, nel rispetto dello stile della maison. L’annata più recente è la 2013 ed è la 75° dalla nascita. Uno champagne con almeno 7 anni di affinamento sui lieviti ed una parte uguale di Chardonnay e Pinot Nero a cui si affianca una piccola parte di Pinot Meunier. Grand Vintage 2013 mostra carisma, morbidezza e freschezza in una tessitura di grande maturità. Una bevuta nettamente differente da Moet Imperial con il quale ha pochi tratti in comune. Il prezzo medio di Moet Grand Vintage è di circa 70 euro e lo posiziona tra gli champagne esclusivi della Maison.

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome