Vantaggi di abbandonare le metropoli: quanto migliora la nostra vita

Uno dei dubbi principali di chi è in cerca di un lavoro o comunque di chi vuol decidere di metter su famiglia è dove farlo, se in una metropoli o in una città più contenuta

0
369
Vita in campagna, foto generica da Pixabay

Uno dei dubbi principali di chi è in cerca di un lavoro o comunque di chi vuol decidere di metter su famiglia è dove farlo, se in una metropoli o in una città più contenuta. Abbandonare la metropoli è una scelta sempre più comune, specie tra i giovani: sono sempre più frequenti i traslochi verso cittadine tranquille e con un’altra vivibilità.

È ovvio che vanno valutati dei vantaggi e degli svantaggi, fattori per lo più soggettivi. La vita in un piccolo paese può offrire diverse prospettive positive che le metropoli non offrono. E allora cerchiamo di comprendere a fondo quali siano i vantaggi di abbandonare la metropoli.

Perché scegliere una cittadina

La vita in un paese più piccolo di una metropoli è sicuramente molto più tranquilla, visto e considerato che si svolge a ritmi molto meno significativi rispetto ad una grande città. Questo perché c’è meno pressione e si parla di ambienti più rilassati e meno rumorosi. La gente nelle grandi città va sempre di fretta e non può permettersi di perdere tempo, per fare qualsiasi cosa: persino quando si prende un caffè al bar si avverte la sensazione di avere tempo limitato, così come fare lo shopping è molto più frenetico in una città grande.

I ritmi in una cittadina di dimensioni contenute sono sicuramente più blandi. Le persone sono più tranquille e riescono a coltivare meglio i rapporti interpersonali: ci sono cittadine in cui ci si conosce, almeno di vista, praticamente con tutti.  È molto più facile in un paesino trovarsi a chiacchierare con i propri vicini.

Oltre a questo, va considerato che l’inquinamento è senza dubbio molto inferiore e ciò giova nettamente sulla nostra salute, specie a lungo andare. Altro vantaggio indiscutibile è il fatto che i costi della vita sono molto più bassi. Questo specialmente per quei paesini che non sono particolarmente vicini a grandi città. Gli affitti risultano essere nettamente inferiori, così come i costi delle case. Oltretutto ci sono in generale molti meno costi.

Infine, si può evitare di fare file per qualsiasi cosa. Uno dei lati negativi delle grandi città è che anche per prendere un gelato spesso e volentieri è necessario sottoporsi a file chilometriche, con tempi biblici.

Cremona tra le cittadine dove si vive meglio

Tra le cittadine in cui la vivibilità è più alta c’è Cremona, almeno stando a diverse statistiche. D’altronde i traslochi a Cremona, specie di persone che vengono da fuori città, sono aumentati negli ultimi anni. Per vivibilità si intendono alcuni fattori, come la civiltà dei cittadini, la ricchezza del territorio e l’ecosostenibilità. Cremona offre un’ottima qualità di vita, cosa che le grandi città non riescono ad offrire, anche a causa della maggiore densità e minore importanza alle relazioni umane. Ma si guardano anche altri fattori, come ad esempio la qualità dell’amministrazione e anche dei servizi locali. Tanti fattori che permettono di considerare una determinata cittadina più vivibile di altre, soprattutto se considerata in relazione alle grandi città.

 

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome