Prestiti per disoccupati: cosa sapere

Come si richiede un prestito per disoccupati? Come fare senza garanzie ad ottenerlo? Ecco i metodi più facili e veloci

0
207
Soldi, foto d'archivio
Soldi, foto d'archivio

La crisi economica di oggi ha reso ancora più difficile richiedere un prestito alle persone che non percepiscono una busta paga regolare. Chi è disoccupato, uno studente, un precario oppure una casalinga, infatti, la maggior parte delle volte verrà chiesta una garanzia, come ad esempio una persona che faccia da garante, oppure una casa in affitto che permette di ottenere un’entrata. Ma come si richiede un prestito per disoccupati? Come fare senza garanzie ad ottenerlo? Ecco i metodi più facili e veloci.

I prestiti per disoccupati: che cosa sono

I prestiti per disoccupati sono studiati appositamente per coloro che non hanno un reddito fisso che possono dimostrare, e necessitano di liquidità. Solitamente le finanziarie e gli istituti di credito offrono un importo che arriva massimo a 15 mila euro, con la possibilità di restituire il denaro non oltre i 5 anni. Inoltre chi prende un prestito deve necessariamente avere delle garanzie, la maggior parte delle volte, così da restituire il prestito con sicurezza.

Le banche e le finanziarie accettano di solito garanzie come immobili di proprietà, entrate minori dimostrabili o garanti con determinate sicurezze.

Ottenere un prestito per disoccupati con garante

Se si ha la possibilità di usufruire di un garante, si avrà più possibilità di ricevere il prestito. Di solito questa figura viene ricoperta da un parente, un genitore o comunque una persona con un solido partimonio alle spalle, che può dimostrarlo. In questo caso è il garante che è responsabile del finanziamento, e in caso di mancato pagamento del diretto interessato sarà lui a dover pagare.

Disoccupati con beni a garanzia, come funziona il prestito

Il possesso di un immobile viene considerato dagli istituti di credito e dalla finanziarie una garanzia stabile. In queste situazioni però, si parla di prestiti ipotecari e la quantità del credito ottenuto e strettamente legata al valore dell’immobile. Oltre agli immobili si può richiedere un prestito su pegno, cioè piccoli finanziamenti che raggiungono una cifra simile al valore del bene posseduto.

Società che offrono prestiti a disoccupati che hanno garanzie

Gli istituti che offrono prestiti a coloro che non hanno un lavori, ma presentano delle garanzie sicure, sono: Compass, Credem Banca, IBL banca e Findomestic. Nella maggior parte dei casi sono piccole somme di denaro, ma se una persona né ha bisogno sono vere e proprie ancore di salvezza

Prestito per un disoccupato senza garanzie

Nel momento in cui si richiede un prestito, dunque, presso qualsiasi istituto finanziario o basta, verrà richiesta una garanzia per poter ottenere il credito senza rimanere debitori a vita. Per fortuna dei poveri malcapitati, recentemente la situazione è migliorata, infatti per ottenere piccole somme di denaro non sarà più necessario avere un reddito dimostrabile. In questi casi sono disponibili diversi tipi di prestiti per i disoccupati, come il prestito tra privati, chiamato Social Lending.

Prestito tra privati

Il prestito tra privati consiste nel chiede ad una società finanziaria di fare da intermediario in un progetto, che verrà valutato da essi con un punteggio. In base a questo, sarà determinata la percentuale di interessi da dover pagare e una volta approvato il progetto i finanziatori privati che vorranno potranni decidere di prestare il denaro. In Italia molte società svolgono questo servizio, le principali sono Smartika e Prestiamoci.

Istituti che effettuano prestiti a disoccupati senza garanzie

Inoltre esistono istituti finanziari che concedono piccole somme di denaro a disoccupati che non presentano garanzie, e sono:

– Aliprestito: una S.p.a. che concede prestiti a persone disoccupate senza garanti e garanzie
– Fingepa: concede prestiti fino ad un massimo di 50 mila euro ai disoccupati, con annesse carte di credito per fare shopping, anche online
– Easy Money: consente a neolaureati e studenti universitari di ottenere prestiti senza un lavoro fisso né garanzie. Inoltre si possono richiedere 1000 euro che saranno rimborsabili in 24 rate da 60 euro più o meno
– Poste Italiane, BNL e UniCredit: offrono denaro in prestiti a studenti che si devono finanziare il percorso di studi.

Conclusioni finali

Le persone disoccupate possono dunque ottenere un prestito. Ovviamente prima di ottene il prestito da una banca o da una finanziaria, esse controllano attentamente la situazione del patrimonio dell’interessato e del rischio che potrebbe non ripagare il debito. Quindi è sempre meglio avere un garante, altrimenti è consigliabile richiedere piccole somme così da poterle restituire facilmente. È molto importante rispettare il proprio impegno e dimostrare di voler ripagare il debito. Anche le banche, infatti, si sono dovute adeguare alla crisi economica e sono diventate più morbide nel concedere prestiti a disoccupati.

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome