Recupero crediti: come muoversi e quale strategia adottare

0
47
Recupero crediti
Recupero crediti

Ciascun imprenditore, analizzando la propria contabilità e rendendosi conto dei numerosi insoluti accumulati nel corso degli anni, sicuramente si sarà posto almeno una volta nel corso della propria carriera imprenditoriale la seguente domanda: “Quando un credito non viene pagato in tutto o in parte cosa bisogna fare?“

Per orientarsi nel complesso mondo del recupero crediti la prima nozione da apprendere è la differenza tra recupero giudiziale e recupero stragiudiziale.

La procedura di recupero stragiudiziale è una tecnica di recupero diretta a persuadere il debitore a pagare il debito, magari dietro concessione di un saldo e stralcio oppure di una rateizzazione.

Il recupero stragiudiziale si svolge effettuando telefonate di sollecito e inviando al debitore lettere di intimazione al pagamento.

La procedura di recupero giudiziale al contrario comporta l’avvio di un’azione legale il cui esito finale sarà il pignoramento dei beni del debitore.

Momento cardine dell’azione è la notifica di un decreto ingiuntivo e il successivo pignoramento dei beni del debitore.

Da quanto sopra si comprende che la caratteristica che differenzia l’approccio stragiudiziale da quello giudiziale consiste nel fatto che con il recupero giudiziale si costringe il debitore a pagare, mentre nel caso del recupero stragiudiziale l’effettuare il pagamento rimane sempre una libera scelta del debitore.

Cerchiamo di chiarire qual è il miglior approccio da seguire per recuperare un credito aziendale.

Vale la pena chiarire immediatamente che la scelta tra recupero giudiziale e stragiudiziale dipende in massima parte dalla tipologia di credito che si deve recuperare.

Per un credito di elevato ammontare è sicuramente preferibile attivarsi in via giudiziale in quanto è molto difficile che un soggetto effettui spontaneamente un pagamento di ingente ammontare a fronte di una telefonata o di una lettera.

Quando invece si tratta di crediti di piccolo importo da riscuotere nei confronti di consumatori la modalità di recupero consigliabile è sicuramente quella stragiudiziale.

Ulteriore fattore di grande importanza nella scelta della strategia di recupero da seguire è il numero di posizioni da attivare.

È di tutta evidenza che quando si devono attivare migliaia di posizioni è sicuramente molto oneroso anticipare le tasse del giudizio.

In relazione ai costi, la procedura di recupero giudiziale è sicuramente più costosa, vale la pena segnalare tuttavia che alcuni operatori del settore stanno facendo di tutto per abbattere i costi dell’azione di recupero.

Per esempio www.recuperocreditifacile.com/recupero-crediti/ per l’avvio della procedura di recupero giudiziale richiede il pagamento dei soli costi vivi dell’azione con spese interamente a carico della controparte debitrice all’esito del recupero delle somme.

 

 

 

 

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome