I colori pastello per capelli al passo con la moda: scopriamo le potenzialità della tinta semipermanente

0
173
Foto generica da Pixabay

Un nuovo tocco di colore ai capelli può influenzare positivamente l’umore, o più semplicemente rappresentare una svolta, l’idea precisa che è arrivato il momento di cambiare il proprio look. Poi, sei il cambio non è soddisfacente, niente paura, non esiste al mondo una scelta di colore irreversibile.

I capelli cambiano e crescono. Sono un indice preciso di personalità ma nulla vieta di modificare taglio e colore finché non si trova la soluzione in grado di rappresentarci appieno, oppure semplicemente per appagare l’idea di apparire sempre diverse.

La scelta del colore può essere un gioco intrigante. Possibile non avere le idee chiare di fronte all’ampia gamma di sfumature e tonalità proposte dai brand di settore, ma grazie alle tinte semipermanenti la durata della colorazione è decisamente inferiore alle tinture classiche, e cambiare, anche spesso, non è un problema.

Per conoscere più da vicino l’universo delle tinte semipermanenti clicca qui e inizia a sperimentare, con la certezza che il risultato della colorazione sarà estremamente naturale, non danneggerà i capelli e donerà riflessi brillanti.

La tinta semipermanente, una soluzione soft: che cosa è giusto sapere

Cambiare spesso la tinta dei capelli ci consente di essere al passo con le tendenze, giocare con i colori, in poche parole sorprendere.

Per farlo con leggerezza, senza paura di rovinare i capelli o di dover fare i conti con scelte definitive, la soluzione perfetta è quella che passa attraverso l’uso della tinta semipermanente, una soluzione soft che garantisce un risultato di breve durata.

Ma quanto dura la tinta semipermanente? Utilizzando una tintura semipermanente abbiamo la certezza che il colore resisterà per un tempo piuttosto breve, non più di alcune settimane, dopo le quali i capelli torneranno al loro colore naturale.

La scelta di questo trattamento spesso è dettata dal desiderio di utilizzare un prodotto poco invasivo, assolutamente privo di ammoniaca, perfetto anche per chi è troppo sensibile agli ingredienti delle tinture tradizionali.

Sono molte le donne che scelgono di usare una colorazione semipermanente alla stregua di un riflessante, per dare tono alla chioma, senza stravolgere la tinta base.

L’uso della tinta semipermanente inoltre è un ottimo stratagemma per coprire l’arrivo dei primi capelli bianchi.

Scopriamo come applicare la tinta semipermanente

La tinta semipermanente è facile da applicare. Si può procedere alla colorazione anche da sole a casa, utilizzando un prodotto di qualità e seguendo regole precise.

Il primo step considera la fase di preparazione. I capelli devono essere lavati accuratamente e poi asciugati.

La seconda fase considera l’eliminazione totale dei nodi, spazzolando accuratamente i capelli.  Dovendo utilizzare la tinta sui capelli ricci è preferibile preparare la chioma lisciandola a dovere, supportati dall’uso di una piastra.

Si passa poi all’applicazione vera e propria della tintura, avendo cura di stenderla perfettamente, distribuendola uniformemente su tutta la capigliatura. La tinta dovrà agire sui capelli per un tempo prestabilito, non andando oltre quello consigliato dal produttore, e riportato sulla confezione.  Trascorso il giusto lasso di tempo è necessario sciacquare i capelli e poi procedere con la detersione, massaggiando bene la testa. Di norma si consiglia di passare lo shampoo due volte, per poi asciugare e pettinare come di consueto.

 

 

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome