Quali sono le cose che non devono mancare in una struttura alberghiera

Quando si decide di fare un viaggio, bisogna capire dove alloggiare. Al di là delle preferenze personali (ad esempio se prendere una struttura di lusso, se fare mezza pensione o pensione completa, se prenderla in centro o in periferia) ci sono alcuni aspetti molto importanti che non devono mancare in nessuna struttura alberghiera.

0
75
Frigobar, foto da Pxhere

Quando si decide di fare un viaggio, bisogna capire dove alloggiare. Al di là delle preferenze personali (ad esempio se prendere una struttura di lusso, se fare mezza pensione o pensione completa, se prenderla in centro o in periferia) ci sono alcuni aspetti molto importanti che non devono mancare in nessuna struttura alberghiera.

Eccone alcuni.

Il parcheggio (per chi viene in auto)

Il parcheggio può essere un vero e proprio plus. Sia per i futuri clienti che per il proprietario dell’hotel o dell’albergo. Nel senso che, se da un lato può essere totalmente indifferente per chi non guida, dall’altro lato avere il parcheggio per chi decide di venire in auto può essere la discriminante di scelta.

Soprattutto se si decide di alloggiare in una città dove i posti auto scarseggiano, come le grandi metropoli italiane quali Roma e Napoli. Insomma, il posto auto per certi aspetti è un qualcosa di assolutamente imprescindibile.

La pulizia

Con la pandemia, la pulizia deve essere fatta in un certo modo. Tanto è vero che molte strutture non danno più per scontato che viene effettuata la sanificazione ma, anzi, lo specificano chiaro e tondo anche come vengono effettuate le pulizie.

Pulizie che coinvolgono tutti gli spazi della camera, dalle tende al letto passando per i pavimenti. La pulizia, quindi, oggi è un investimento per la struttura che non può assolutamente essere messo in secondo piano.

Altrimenti, o la persona non viene proprio oppure si rischia di beccarsi una recensione negativa che potrebbe pregiudicare tutto il fatturato.

Il frigobar

Il frigobar hotel non può e non deve mancare. Almeno per una struttura che si rispetti. Perché, in particolare quando è estate e quindi le temperature salgono, avere la possibilità di godersi qualche bevanda fresca può essere davvero ottimale.

Il frigobar nelle strutture può essere di diverso tipo ma generalmente non occupa molto spazio, soprattutto nelle camere doppie e triple. Ovvio che se si passa alla quadrupla il discorso può cambiare. In ogni caso, però, nessun problema nemmeno per quanto concerne i rumori. Di solito, sono estremamente silenziosi e permettono al cliente di poter dormire con estrema tranquillità.

Se si pensa che, però, acquistare dei frigobar nuovi possa essere una spesa, allora si è fuori strada. Fermo restando che può essere qualche scontistica relativa a provvedimenti legislativi, un frigobar innovativo, pur mantenendo alta la qualità, ha dei consumi ridotti. Quindi, a conti fatti, i soldi spesi per acquistarlo si recuperano nel giro di breve tempo.

Senza dimenticare che, comunque, si dà anche una mano all’ambiente che è sempre più sofferente. Qualità maggiori, rincari ridotti e si fa un favore alla natura. I motivi per scegliere un frigobar degno di questo nome sono tutti molto validi.

L’assistenza continua

L’assistenza h24 è un must che devono avere tutti. In un mondo sempre più globale e interconnesso non si possono più dare orari rigidi di check in – salvo il tempo materiale per fare le pulizie – perché ogni persona ha esigenze diverse.

Ad esempio, chi viene con il volo magari non ha nessuna possibilità di venire più tardi e non può aspettare i tempi della struttura. All’opposto, chi viene in auto, può decidere in via autonoma a che ora venire e quindi il disagio lo sente di meno.

Per questo, infatti, soprattutto in alta stagione le strutture sono aperte h24 sia per il check in che per l’assistenza alle persone che hanno scelto quell’hotel. Perché, comunque, già i viaggi sono più brevi rispetto a un tempo, se poi il cliente deve pure perdere tempo in attesa che si ripari qualcosa, allora sa già che la vacanza è rovinata.

E, questo, una struttura non può certamente permetterselo.

Mantenere le promesse

Mantenere le promesse dovrebbe essere un dato certo e acquisito. In realtà, però, spesso non è così. Non parliamo che una struttura possa scrivere cose non vere ma che possa ‘romanzare’ il tutto sì. Ad esempio, se dispone di un balcone e scrive che c’è il balcone ma poi quel balcone è molto piccolo, magari avrà pure detto la verità però nella percezione del cliente non è proprio così.

Per non parlare, poi, delle foto. Ci può stare che si scelgano le foto migliori ma un conto è far vedere la struttura ‘al massimo della sua forma’ e un altro è usare Photoshop per togliere tutti quei difetti che esistono ma che non vuoi far vedere.

Si tratta di uno stratagemma che viene subito scoperto e che si rivela un boomerang poiché ad alte attese devono corrispondere anche  delle realtà all’altezza, appunto, delle aspettative.

RISPONDI

Commenta
Qui il tuo nome